Marc Augé già directeur d’études presso l’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi, di cui è stato a lungo Presidente, dopo aver contribuito allo sviluppo delle discipline africanistiche ha elaborato un’antropologia della pluralità dei mondi contemporanei attenta alla dimensione rituale del quotidiano e della modernità. Ha inoltre focalizzato la sua attenzione su una serie di esperienze contemporanee che attraversano la progettazione urbanistica, le forme dell’arte contemporanea e l’espressione letteraria. Tra le sue opere tradotte di recente: Rovine e macerie (Torino 2004); Perché viviamo (Roma 2004); Tra i confini. Città, luoghi, interazioni (Milano 2007); Il mestiere dell’antropologo (Torino 2007); Il bello della bicicletta (Torino 2009); Il metrò rivisitato (Milano 2009); Per un’antropologia della mobilità (Milano 2010); Straniero a me stesso. Tutte le mie vite di etnologo (Torino 2011); Diario di un senza fissa dimora. Etnofiction (Milano 2011); Futuro (Torino 2012). È componente del Comitato Scientifico del Consorzio per il festivalfilosofia.


foto Baracchi, Campanini



Marc Augé ha partecipato anche alle seguenti edizioni:
2001
  | 
2002
  | 
2003
  | 
2004
  | 
2007
  | 
2008
  | 
2009
  | 
2010
  | 
2011

<< back


logo festivalfilosofia

Consorzio per il festivalfilosofia - Largo Porta Sant'Agostino 337 - 41121 Modena - telefono 059 2033382 - fax 059 2033120 - e-mail: info@festivalfilosofia.it