festivalfilosofia sulle arti
Clerici, Manfredda, Turuani<br>Fare e disfare
Domenica 17 Settembre 2017
09:00 - 21:00
Le Gallerie d'Arte per il festivalfilosofia
L'umana epopea delle trame
Conduce:

Curatrice: Cristina Muccioli
Inaugurazione sabato 16 settembre ore 18.00 alla presenza di artiste e curatrice

Modena

Collettiva con i lavori di Gaia Clerici, Valeria Manfredda, Luisa Turuani. La mostra sarà composta da 10 opere bi e tridimensionali, scultoree, installative e pittoriche. Esse interpretano il tema della tecnica come arte del fare e del dis-fare; come inaggirabile medium del nostro sguardo, come aspetto problematico ma fondante, quotidiano, coessenziale alla vita umana e alle sue pratiche con i riti, i gesti minuti precisi e ripetuti, anche quando volti a restituire una caratteristica della propria identità.

Tutti i lavori sono accomunati dal fil rouge dell’intreccio e dell’azione dell’intrecciare, a segno di una pratica tecnica (o di una pratica tout court) concreta, atavica ma anche potentemente metaforica del nostro vivere. Più che vivere nell’età della tecnica, ci siamo nati, costituendoci e confermandoci come genere Homo. 


Gaia Clerici (Milano, 1970). Attualmente frequentante l'accademia di Brera si occupa dal 2000 di opere in lana infeltrita secondo metodi arcaici. Incentra la sua ricerca sul “corpo -materia“ femminile coerentemente alle potenzialità espressive del materiale prescelto.

 Valeria Manfredda (Magenta,1985) vive e lavora a Milano. Ha esposto a Mantova, Pavia, Isola Comacina (CO) ed Empoli nella mostra L'oggetto e l'immagine, Filarete Art Studio, a cura di Angela Sanna. A Milano ha partecipato a diverse collettive tra le quali il Festival Mondiale dell'acqua per EXPO, Castello Sforzesco; Step Art Fair, Fabbrica del Vapore; Museo dei giovani artisti, Idroscalo; Darwin Day, Accademia di Belle Arti di Brera, a cura di Cristina Muccioli. Nel 2017 si tiene la sua personale Spazio contemporaneo reticolare a Milano.

 Luisa Turuani (Milano, 1992). Particolarmente interessata al concetto di limite come spazio abitabile, cerca di interrogare le parentesi della quotidianità in quanto stimolo per una creatività leggera e disincantata, critica e ironica. Nel 2016 partecipa a una residenza artistica in Cina; da questa esperienza nascono le mostre collettive intitolate Syncronicity ad Hangzhou e Yuliang. Tra le mostre collettive si ricorda nel 2016: Traparentesi: Leggerezza a cura di OUT44, Pensieri incrociati a cura di I. Chiodi; nel 2015: Nel deserto cresce la ginestra presso la galleria R. Fabbri, 00:00 a cura di S.M. Frassà. Espone come finalista alla terza edizione del premio Cramum nel 2015 e alla quarta edizione del Premio Ricoh nel 2014.

 Cristina Muccioli (Milano, 1968) è una critica d’arte e curatrice, anche in ambito internazionale. Insegna Etica della comunicazione all’Accademia di Brera, dove tiene anche seminari di Estetica. Si concentra sugli intrecci tra arte e scienza, antropologia e filosofia.

 

Orari di apertura durante il festivalfilosofia:
Venerdì 15 settembre ore 09.00 – 23.00
Sabato 16 settembre ore 09.00 – 23.00
Domenica 17 settembre ore 09.00 – 21.00 

Dal 18 settembre all’8 ottobre 2017 la mostra rimarrà aperta con i seguenti orari:
dal martedì al sabato: 10.30 - 12.30 e 16.30 – 19.30

 

Galleria ArteSì
Via Fonte D'Abisso, 11
41123 Modena
Tel.: 338 67 64 679
www.artesimodena.com

 

Foto: Laura Turuani, Trappola per il cielo II, 2015, fili d'erba, 0,5x700x0,5 cm

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.