festivalfilosofia sulle arti
Rivelazioni
Sabato 15 Settembre 2018
20:30
Le scoperte hanno 5 sigma

In collaborazione con: INFN

Modena

Come facciamo a esser certi, rivelando “solo” delle tracce, di aver osservato proprio, attraverso i dispositivi “rilevatori”, quella particolare particella e non un’altra? Come possiamo affermare, fuori da ogni dubbio, di aver scoperto, per esempio, una tanto agognata particella di materia oscura?

Lucia Votano , Dirigente di Ricerca associata all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), si occupa di fisica astroparticellare e in particolare di neutrini. È stata dal 2009 al 2012 Direttrice dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN. Ha lavorato al CERN di Ginevra, al laboratorio DESY ad Amburgo, e infine ai Laboratori del Gran Sasso, dove ha presieduto la collaborazione OPERA: un esperimento che, utilizzando un fascio di neutrini prodotti al CERN e indirizzati sotto la crosta terrestre verso i Laboratori del Gran Sasso, ha fornito la prova diretta del fenomeno conosciuto come “oscillazione del neutrino”. Al momento fa parte dell’esperimento JUNO, l’ultima frontiera nella fisica del neutrino, un enorme apparato in fase di costruzione nella Cina Meridionale che sarà operativo nel 2021. È coautore di circa 300 articoli scientifici pubblicati su riviste internazionali. Ha ricevuto numerosi premi e nel 2010 è stata insignita dal Presidente della Repubblica dell’onorificenza di Commendatore al merito della Repubblica Italiana per meriti scientifici. Recentemente ha pubblicato due libri divulgativi: Il fantasma dell’universo. Che cos’è il neutrino (Milano 2015) e La via della seta. La fisica da Enrico Fermi alla Cina (Roma 2017).

2018

Antonio Zoccoli è professore ordinario di Fisica sperimentale presso l’Università di Bologna e attuale vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. È sempre stato attivo nel campo sperimentale della fisica fondamentale ed è stato dapprima membro delle collaborazioni Muon Catalysed Fusion al Rutherforf Lab (UK), e OBELIX al CERN di Ginevra, successivamente ha partecipato all’esperimento HERA-B al laboratorio DESY di Amburgo, e dal 2005 è membro della collaborazione ATLAS al CERN che, insieme alla collaborazione CMS, ha annunciato l’osservazione del bosone di Higgs nel luglio 2012. È coautore di più di 700 pubblicazioni scientifiche e tecniche su riviste internazionali e dal 2008 presiede la Fondazione Giuseppe Occhialini.

2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.