Verità e rappresentazione
Domenica 22 settembre 2002
Giulio Paolini, Gianni Vattimo

Verità e rappresentazione

Conduce:
Modena

Gianni Vattimo  è professore di Filosofia teoretica presso l’Università di Torino. In diretto contatto con l’opera di Nietzsche, Heidegger e Gadamer, ha proposto un’interpretazione dell’ontologia ermeneutica contemporanea che ne accentua il legame con il nichilismo, giungendo alla teoria del “pensiero debole”, inteso come rifiuto di ogni dogmatismo e come modello emancipativo in vista di una società pluralistica. Tra le sue ultime opere: Oltre l’interpretazione (Roma-Bari 1994); Credere di credere (Milano 1996); Tecnica ed esistenza (Milano 1997); Interrogazioni sul cristianesimo. Cosa possiamo ancora attenderci dal Vangelo (con Pierangelo Sequeri e Giovanni Ruggeri, Roma-Fossano 2000); Le avventure della differenza (Milano 2001); Dopo la cristianità (Milano 2002); Nichilismo ed emancipazione (Milano 2003).

Ultimo aggiornamento profilo: 2004

2002 | 2004

Giulio Paolini vive e lavora tra Torino e Parigi. Nel 1964 tiene la sua prima personale alla Galleria "La Salita" di Roma. Da allora si sono susseguite mostre personali e collettive sia in Italia che all'estero. Ha partecipato in più occasioni alla Biennale di Venezia, che nel 1970 gli ha dedicato una sala personale, e all'esposizione internazionale Documenta di Kassel. Importante anche l'attività di pubblicazione di cataloghi e volumi, tra cui ricordiamo: La voce del pittore. Scritti e interviste 1965-1995 (Lugano, 1995); Correspondances (Torino, 1996); La verità (Torino, 1997); Von Heute bis Gestern. Da oggi a ieri (Ostfildern-Ruit, 1998); Padiglione dell'Aurora (Milano, 1999)

Ultimo aggiornamento profilo: 2002

2002

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi