Aperto per festival - Carpi
Venerdì 18 settembre 2020

Aperto per festival - Carpi

Conduce:
Carpi

Luoghi di interesse artistico o culturale e iniziative non incluse in programma osserveranno aperture straordinarie. Siamo lieti di segnalare le più significative al pubblico del festival.

Info:

Comune di Carpi
InCarpi-Promozione e turismo Comune di Carpi
Piazza Martiri 64
41012 Carpi
(all’interno del Cortile d’Onore di Palazzo dei Pio)
Tel. 059 649255
iat@carpidiem.it


Palazzo dei Pio

Piazza Martiri, 68
Ingresso gratuito contingentato per n. 15 persone ogni 30 minuti
Su prenotazione su: https://www.comune.carpi.mo.it/prenota-eventi/carpiperilfestival/ 

Tra Piazzale Re Astolfo e Piazza Martiri si colloca il complesso di edifici un tempo residenza dei Pio, risultato dell'aggregazione di numerose torri, rocche e torrioni eretti in epoche diverse, dal 1312 fino al sec. XVII.

L’appartamento nobile, che costituisce la parte più prestigiosa del Museo del Palazzo, apre al pubblico a dicembre 2006. Gli ambienti presentano un nuovo percorso di visita che sviluppa due piani di lettura paralleli e integrati. Da una parte le decorazioni affrescate sui muri delle sale, datate tra la metà del Quattrocento e i primi anni del Cinquecento, sono opera di Giovanni del Sega e Bernardino Loschi, pittori di corte di Alberto III Pio. Qui sono esposte le opere della collezione museale realizzate dai due pittori e di altro genere, ma relative alla cultura rinascimentale a Carpi.

L’itinerario del Museo della Città sviluppa la storia del territorio carpigiano, della nascita e dello sviluppo della città dall'età del Bronzo al Novecento. Comprende il Salotto Degoli, una sezione tematica sulla cultura contadina e agricola con materiali provenienti dalla Collezione Contini.

All’interno dei Musei di Palazzo Pio è allestita la mostra Prevenire è meglio che curare - Bernardino Ramazzini

Orari:

Venerdì 18 settembre ore 10.00 – 23.00

Sabato 19 settembre ore 10.00 – 23.00

Domenica 20 settembre ore 10.00 – 20.00

 

InCarpi

Piazza Martiri, 64 (all'interno del Cortile d'Onore di Palazzo Pio)
ingresso gratuito e contingentato

L'ufficio InCarpi, centro unico di promozione e turismo del Comune di Carpi, è collocato nell'area acquisita da Lionello Pio attorno al 1460-70 per creare l'ingresso monumentale al Palazzo. Nel 1911 diventa l'ufficio postale progettato da Artemio Prati con decorazioni liberty che definiscono le funzioni degli sportelli con incisioni a lettere capitali. In alto, entro ghirlande a decori floreali, cartigli che ricordano i nomi di personaggi che si sono distinti nell'innovazione delle telecomunicazioni.

Orari:
Venerdì 18 settembre ore 10.00 – 23.00

Sabato 19 settembre ore 10.00 – 23.00

Domenica 20 settembre ore 10.00 – 20.00

 

Appartamento inferiore di Palazzo dei Pio

Piazza Martiri, 68
Ingresso gratuito contingentato per n. 10 persone ogni 30 minuti
Su prenotazione su: https://www.comune.carpi.mo.it/prenota-eventi/carpiperilfestival/

La sala dei Cervi è situata nell’appartamento inferiore di Palazzo Pio, è un ambiente di notevoli dimensioni decorato nella volta con crociere e nelle lunette da affreschi con soggetti tipicamente cortesi con scene di caccia. La volta presenta eleganti motivi geometrici intrecciati al cui interno sono iscritte le iniziali di Alberto Pio. Le decorazioni furono purtroppo irrimediabilmente danneggiate dal punto di vista cromatico nella quasi totalità da un incendio che si sviluppò nella sala intorno al 1861, dando alle pitture una scura tonalità brunastra, ben diversa dai brillanti azzurri e verdi che dovevano caratterizzarla.

All’interno è allestita la mostra

Lo sguardo, il potere e la macchina

Il Galileo di Liliana Cavani attraverso materiali del Fondo Cavani di Carpi

Orari:

Venerdì 18 settembre ore 10.00 – 23.00

Sabato 19 settembre ore 10.00 – 23.00

Domenica 20 settembre ore 10.00 – 20.00                                    

 

Pieve di Santa Maria in Castello

Piazzale Re Astolfo
Ingresso gratuito e contingentato

Inserita nel circuito europeo degli edifici romanici, è la chiesa più antica della città. Fondata secondo la tradizione dal re longobardo Astolfo nel 752, venne ricostruita in epoca matildica in stile romanico e successivamente modificata da Alberto III Pio nelle attuali forme rinascimentali.

Venerdì 18 settembre ore 10-12 e 14.30-19.30

Sabato 19 settembre ore 10-12 e 14.30-19.30

Domenica 20 settembre ore 10-12 e 14.30-19.30           

 

Cattedrale dell'Assunta

Piazza Martiri
Ingresso libero e gratuito

La Basilica Cattedrale di Carpi, riaperta lo scorso mese di marzo dopo il restauro a seguito del sisma del 2012, deriva dall'esempio classicheggiante e rinascimentale di San Pietro in Vaticano di Raffaello, come Tempio a pianta basilicale a tre navate con transetto e cupola ed è dedicata a Santa Maria Assunta come si vede anche dalla bella scultura cinquecentesca della facciata. Il modello in legno su cui si basa il progetto viene realizzato da Baldassarre Peruzzi direttamente a Roma. Le fondamenta sono scavate nel 1514 e la costruzione inizia nel 1515. Tanti i momenti di stasi durante i lavori che terminano nel 1680 con le decorazioni degli ornati e delle grandi statue dei Santi Pietro, Paolo, Valeriano, Francesco, Bernardino da Siena e Sebastiano presenti nella facciata barocca. Tra il 1768 e il 1770 viene creata la cupola su disegno di Carlo Lugli. Le decorazioni pittoriche interne sono in stile rinascimentale realizzate da Lelio Rossi coadiuvato da Albano Lugli e Fermo Forti tra il 1873 e il 1893.

Venerdì 18 settembre ore 7.30-12.00 e 16.00-19.00

Sabato 19 settembre ore 7.30-12.00 e 16.00-19.00

Domenica 20 settembre ore 7.30-12.00 e 16.00-19.00

La chiesa non è visitabile durante le messe che si tengono nei seguenti orari: feriali ore 9.00 e 18.30; sabato ore 9.00 e 18.00, festivi: ore 8.00, 9.30, 10.45,12,00 e 18.00

 

Museo Diocesano

Corso Fanti 44
Ingresso gratuito su prenotazione alla e-mail: museodiocesanocarpi@gmail.com

Il Museo diocesano d'arte sacra "Cardinale Rodolfo Pio di Savoia" è allestito nella chiesa di Sant'Ignazio di Loyola, edificata fra il 1670 e il 1682 dai Gesuiti.

Fanno parte dell'esposizione arredi e suppellettili sacre, argenterie dal XVI al XX secolo, dipinti di pregio, incisioni, sculture, tessuti, scagliole.

Venerdì 18 settembre ore 9.30-12.00 e 16.00-18.30

Sabato 19 settembre ore 9.30-12.00 e 16.00-18.30

Domenica 20 settembre ore 9.30-12.00 e 16.00-18.30

 

 

Campo di Fossoli

Via Remesina Esterna, 32
Ingresso gratuito contingentato 

A circa sei chilometri da Carpi, in località Fossoli, è ancora visibile il Campo costruito nel 1942 dal Regio Esercito per imprigionare i militari nemici. Nel dicembre del 1943 il sito è trasformato dalla Repubblica Sociale Italiana in Campo di concentramento per ebrei. Dal marzo del 1944 diventa Campo poliziesco e di transito (Polizei und Durchgangslager), utilizzato dalle SS come anticamera dei Lager nazisti. I circa 5.000 internati politici e razziali che passarono da Fossoli ebbero come destinazioni i campi di Auschwitz-Birkenau, Mauthausen, Dachau, Buchenwald, Flossenburg e Ravensbrück. Dodici i convogli che si formarono con gli internati di Fossoli, sul primo diretto ad  Auschwitz, il 22 febbraio, viaggiava anche Primo Levi che rievoca la sua breve esperienza a Fossoli nelle prime pagine di "Se questo e un uomo" e nella poesia "Tramonto a Fossoli".
Fossoli è stato il campo nazionale della deportazione razziale e politica dall'Italia.
Tra il 1945  e il 1947 è campo per "indesiderabili", ovvero un centro di raccolta per profughi stranieri.
Dopo la fine della guerra il Campo è utilizzato a scopo civile. 

Dal 1947 al 1952 è occupato dalla comunità dei Piccoli Apostoli di Don Zeno Saltini che a Fossoli danno vita a Nomadelfia.

Dal 1954 alla fine degli anni '60 vi giungono i profughi giuliani e dalmati provenienti dall'Istria e vi fondano il Villaggio San Marco. Di proprietà dello Stato, il Campo dopo il 1970 cade in uno stato di abbandono fino al 1984 quando venne concesso l'uso al Comune di Carpi.

Orari:
Sabato 19 settembre ore 10.00 – 19.00

Domenica 20 settembre ore 10.00 – 19.00

 

Palazzo Foresti

Via San Francesco, 20
Ingresso gratuito contingentato per n. 8 persone ogni ora
Su prenotazione su: https://www.comune.carpi.mo.it/prenota-eventi/carpiperilfestival/

Realizzato nel 1892 per Pietro Foresti, il palazzo rappresenta un unicum sia per lo stile neorinascimentale della facciata sia per la ricchezza degli interni, che accolgono la ricca collezione d’arte del proprietario. Pregevolissimi sono la bifora del XV sec., inserita nel cortile, lo scalone monumentale e il “famosissimo” salotto Liberty. Oltre al Palazzo sarà visitabile la collezione dei dipinti dell’800 italiano presente nel Palazzo stesso.

Venerdì 18 settembre ore 15.00 – 18.00

Sabato 19 settembre ore 15.00 – 18.00

Domenica 20 settembre ore 15.00 – 18.00

 

Acetaia Comunale

Palazzo Scacchetti - Corso Alberto Pio, 91
Ingresso gratuito ogni 30 minuti, prenotazione obbligatoria a InCarpi tel. 059649255 – incarpi@carpidiem.it

Nel sottotetto del Palazzo Scacchetti è situata l’Acetaia Comunale dove viene prodotto l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, al fine di ricordare un’arte antica di secoli, che ancora oggi vede l’uomo e la natura svolgere un ruolo fondamentale per la sua realizzazione.

Sabato 19 settembre ore 9.30-12.30

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi