Ara Malikian<br>Le mie prime Quattro Stagioni
Venerdì 16 settembre 2011

Ara Malikian
Le mie prime Quattro Stagioni

Quartetto d’archi e voce recitante
Conduce:

Direzione musicale: Ara Malikian
Musica di: Antonio Vivaldi

Sassuolo

Il titolo più celebre di Antonio Vivaldi suonato e raccontato per i piccoli e i piccolissimi è uno dei successi del momento nella capitale spagnola. Ideatore e protagonista è Ara Malikian: 43 anni, aspetto gitano, carriera da violinista classico, uscito dalla buca dell’orchestra del Teatro Real di Madrid per avviare un’avventura musicale divertente e originalissima. In scena, oltre a Malikian che si presenta in gillet damascato, blue-jeans e anelli alle dita, altri tre musicisti, che, mentre suonano perfettamente, si alzano, si rincorrono sul palcoscenico, mettono in scena una gag dopo l’altra con una mimica da attori professionisti. Una voce recitante ha il compito di coinvolgere il pubblico e di raccontare ai più piccoli le immagini consegnate dallo stesso Vivaldi, che nella partitura originale a ogni stagione ha affiancato i versi di un sonetto.

Ara Malikian, nato a Beirut nel 1968, in una famiglia di origini armene, inizia a studiare violino molto presto sotto la guida severa del padre. La guerra civile lo costringe spesso ad esercitarsi nei rifugi antiaerei. Da’ il suo primo concerto a 12 anni e a 14 ottiene una borsa di studio dal Ministero della cultura tedesco per studiare ad Hannover. Di qui prosegue gli studi alla Guildhall School di Londra, con i maestri prestigiosi  dell'Alban Berg Quartet. È uno dei più brillanti ed espressivi violinisti della sua generazione, dotato di uno stile inconfondibile in cui si incrociano gli echi di sonorità armene e arabe, gitane e klezmer.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi