“La cultura della sorveglianza”
Venerdì 17 settembre 2021

“La cultura della sorveglianza”

Dati biometrici, big data, libertà
Conduce:

Conversazione introduttiva: Philip Di Salvo con David Lyon
Modera: Alberto Nerazzini, Vice-Presidente, DIG
A cura di: Associazione DIG – Documentari Inchieste Giornalismi
Con: The Surveillance Studies Centre, Queen’s University, Kingston (CAN)

Modena

La sorveglianza oggi ha molti volti e sono numerosi gli attori, sia pubblici che privati, a svolgere attività di monitoraggio di varia natura. Mentre i confini tra sorveglianza commerciale e di stato si fanno sempre più labili, cresce anche la quantità di informazioni personali a disposizione: oltre alle attività online, ora anche i corpi, grazie ai dati biometrici, possono essere tracciati e monitorati nel mondo fisico. Una tale pervasività ha anche fatto venire meno la distinzione tra sorvegliati e sorveglianti, trasformando la sorveglianza in una cultura cui tutti partecipiamo. David Lyon è lo studioso che più di chiunque altro ha teorizzato la sorveglianza nel contemporaneo ed è autore di diversi volumi cruciali su questo tema. L’ultimo di questi è “La cultura della sorveglianza” (LUISS University Press). Con l’ausilio della serie di brevi documentari “Screening surveillance” realizzati dal Surveillance Studies Network, in questa conversazione si metteranno in luce le varie forme della sorveglianza contemporanea, con un focus particolare sulle ripercussioni democratiche delle tecnologie di monitoraggio biometriche, come il riconoscimento facciale.

 

Conversazione introduttiva (in collagamento video): 

David Lyon, Director, Surveillance Studies Centre, Queen’s University, Kingston (CAN)

Philip Di Salvo, Visiting Fellow, The London School of Economics and Political Science (LSE), post-doctoral researcher, Università della Svizzera italiana (USI)

 

La serata è una preview di DIG Festival, che si terrà a Modena dal 30 settembre al 3 ottobre 2021. 


DIG - Documentari Inchieste Giornalismi è un’associazione senza fini di lucro che sostiene i reporter affamati di verità e valorizza il lavoro dei freelance. DIG è una casa per i giornalisti che si dedicano a inchieste e reportage: a loro offre contatti con i broadcaster europei e premi per produrre storie importanti.  DIG è un punto di riferimento per l’aggiornamento professionale: organizza corsi e contribuisce alla formazione della prossima generazione di reporter. DIG è un network che opera in Europa collaborando con soggetti che si occupano di giornalismo di qualità: scuole, centri di ricerca, festival, fondazioni, consorzi.
dig-awards.org | info@dig-awards.com | Facebook | Twitter | Instagram

 

Orario:
Venerdì 17 settembre ore 21.00

 

Luogo:
Cinema Astra
Via F. Rismondo 21
41121 Modena

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi