13/07/2021 - 5. CS Quasi 3 milioni di presenze in 20 anni: il festivalfilosofia dà i numeri

Due milioni e 920 mila presenze dal 2001 al 2020, 3.400 eventi in tutto. Vent’anni con risultati da record per una grande iniziativa di pedagogia pubblica e di comunicazione moderna dei saperi, che porta la filosofia nelle piazze delle tre città emiliane, con importanti ricadute culturali e sociali, ma anche economiche

 

Dalle 34 mila presenze del 2001 alle oltre 206 mila del 2019 e alle 70mila del 2020, nonostante la pandemia. Un pubblico sempre più numeroso e attento, per assistere a un programma sempre più ricco. I numeri lo confermano: la prima edizione del festivalfilosofia proponeva 98 iniziative, lo scorso anno – ventesima edizione – gli eventi sono stati complessivamente 188 per una manifestazione che ha importanti ricadute non solo culturali e sociali, ma anche economiche, con un impatto diretto di oltre 3 milioni di euro.

 

Era il settembre 2001 quando debuttava il festivalfilosofia, il primo caso europeo di festival filosofico in senso proprio. Avviata per iniziativa di un Comitato di Enti locali, poi costituitisi in Consorzio, la manifestazione propone una formula, sostanzialmente inalterata nelle venti edizioni realizzate, imperniata su un tema che muta ogni anno e ispira tutte le iniziative in programma. Le parole scelte per ciascuna edizione hanno sempre individuato concetti chiave della tradizione filosofica e al tempo stesso questioni calde dell’esperienza contemporanea, come felicità e vita, bellezza e umanità, fantasia e comunità, cose e amare, fino alle ultime due edizioni, dedicate rispettivamente alla verità e alla persona.

 

Dalla prima edizione sono stati realizzati oltre 3.400 eventi: tra questi ben 897 lezioni magistrali, che hanno visti protagonisti 411 filosofi,di cui 88 stranieri. Sono proprio le lezioni magistrali il cuore del programma, con i maggiori pensatori contemporanei, italiani e stranieri, che presentano la propria tesi e rispondono a domande del pubblico. Nella sezione delle lezioni dei classici, invece, eminenti studiosi commentano le opere che hanno costituito modelli o svolte concettuali rilevanti nella storia del pensiero occidentale.

 

Un vasto programma di iniziative declina poi il tema nei diversi ambiti della creazione, per sottolineare la stretta connessione tra forme dell’esperienza, dell’arte e del pensiero. Fino ad ora sono stati 2.753 gli eventi del programma creativo:spiccano le 637 mostre e installazioni e gli oltre 439 tra concerti e spettacoli dal vivo, cui si devono aggiungere oltre 100 letture e conversazioni (132) e più di 200 film (249). Le attività per bambini e ragazzi sono state finora complessivamente 689.

Il festival si presenta anche come occasione per condividere i piaceri della buona tavola: sin dalla prima edizione il filosofo e gourmet Tullio Gregory ha ideato e firmato la sezione “cucina filosofica”, che ora viene riproposta ogni anno nel solco da lui tracciato: dal 2001 sono stati realizzati ben 150 menù filosofici a tema.

Quanto ai dati di pubblico, si è giunti a un totale di oltre 2 milioni e 920mila presenze complessive nelle prime 20 edizioni.

 

I dati qualitativi, poi (desumibili anche dalla tesi di dottorato discussa da Maria Giovanna Manni presso la Fondazione Marco Biagi di Modena nel 2015) confermano il carattere nazionale e internazionale del festivalfilosofia: oltre la metà dei partecipanti arriva ogni anno da fuori provincia, soprattutto dal centro nord, ma con presenze significative anche dal sud e dalle isole e un numero crescente di presenze dall’estero. In sensibile aumento soprattutto i giovani, che costituiscono ormai quasi il 25% del pubblico. L’età media dei partecipanti è di 44 anni e il livello di scolarizzazione del pubblico risulta molto alto. Quasi il 60% ha una laurea, benché non si tratti di un pubblico di settore: più di una persona su sei non ha mai studiato filosofia, mentre il 30% di chi l’ha studiata lo ha fatto solo a scuola e non all’università.

 

La permanenza media si attesta intorno ai 2,54 giorni, dunque sono pochi i visitatori che si fermano un giorno soltanto: un partecipante su tre si ferma anche a dormire generando un impatto economico diretto sul territorio di oltre 3 milioni di euro.

 

Infoline: Consorzio per il festivalfilosofia, tel. 059/2033382 e www.festivalfilosofia.it

 

I comunicati stampa e le fotografie ad alta risoluzione relative al festivalfilosofia si possono scaricare dal sito www.festivalfilosofia.it

 

 

 

Ufficio stampa MediaMente

Tel. 339.8850143

stampa@mediamentecomunicazione.it

 

 

 

 

 

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy utilizzando il tasto 'Leggi' di questo banner o il link presente nella parte inferiore di ogni pagina. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Leggi